Sunday, December 30, 2007

Buon Anno - e che sia davvero buono...

Il Natale e' una festa "importante", sia per i credenti che per gli atei come me. A Natale si cerca di promuovere i buoni sentimenti e cacciare via i cattivi pensieri. A Natale si e' tutti piu' buoni: si fanno promesse per il nuovo anno, si mandano biglietti ed SMS anche a gente che non si sente da una vita, si comprano tanti regali che non servono, si mangia come dei cinghiali e ci si indebita fino al collo. Ma che importa? Come dice il mio vicino di casa (che ha addobbato il suo cortile come se fosse la versione trash del Times Square di NYC): "Natale e' Natale". E che Natale sia allora. Quest'anno la novita' e' che Babbo Natale e' davvero arrivato! No, non per gentile concessione della Coca-Cola. L'abito (che fa il monaco) lo abbiamo "comprato" noi a 3.95 Euro all'ipermercato del nostro paese. Bargain! Anyway, nostro figlio, un anno appena compiuto, ne e' rimasto colpito. Cosi' colpito che mi si e' attaccato al collo come una ventosa temendo che l'allegro signore "rosso" (comunista?) fosse li' per mangiarsi davvero i bambini. Siamo sicuri che ai bambini piaccia davvero Babbo Natale? Bah... Ora si aspetta il Nuovo Anno che, come Natale, promette sempre buone cose. Beh, speriamo che una volta ogni tanto non faccia come quei marinai genovesi (oltre ad esser bugiardi sono anche, notoriamente, avari) che promettono, promettono ma non mantengono mai. L'Italia ci crede a Babbo Natale. E ci vorra' il miglior Babbo Natale e la Befana piu' generosa del mondo a riparare la suola di questo stivale. Rispetto allo scorso anno, il Paese e' piu' povero (ora superato anche dalla Spagna), piu' vecchio (tra i piu' vecchi al mondo), piu' corrotto (piu' di noi solo la Bulgaria), piu' scontento (siamo i piu' infelici d'Europa secondo un'indagine della Cambridge University) e piu' decadente (addio Alitalia, morti in fabbrica, ecc ecc). Ma gli italiani ci credono in Babbo Natale. E Babbo Natale ha promesso che portera' tanti doni, si'. O cosi'...oppure il prossimo Natale lo passeremo in mutande (peccato pero' che qui non sia l'Australia)...

Buon Anno a tutti!!!

Saturday, November 24, 2007

Il ritorno della bloggatrice


Il silenzio a volte è una scelta, a volte una necessità. Nel mio caso è stato un obbligo derivante dalla maternità e dal fatto che mio figlio richiede attenzione costante e totale. Ma non avrei potuto tacere per sempre quindi...eccomi! Datemi una leva (e qualche giorno) e vi solleverò il mondo!!

Friday, January 19, 2007

Meet Sebastian


Vanessa and Julian are happy to announce the birth of baby Sebastian. He was born at 7:30 in the morning of the 14th of December following 8 hours of hard labour, which unfortunately ended with a c-section. When he was born, Sebby measured 53 cm in length, the circumference of his head was 37 cm and he weighed an astonishing 4.5 kg (i.e. 10 pounds!)! In a very short time he has become the apple of the eyes of his mum, dad, auntie, grandparents and great grandparents.. Mummy is over the moon, daddy is besotted with his boy – so much so that I fear he will never recover!

***********************************************

Vanessa e Julian sono felici di annunciare la nascita del piccolo Sebastian. Il bambino e’ venuto alla luce alle 7:30 della mattina di Giovedi’ 14 Dicembre dopo otto stenuanti ore di travaglio conclusesi, purtroppo, con un taglio cesario. Alla nascita Sebby misurava 53 cm in lunghezza, 37 cm in circonferenza cranica e pesava la bellezza di 4.5 kg (il cesario e’ dunque spiegato)! In breve tempo e’ diventato il cocco non solo di mamma, papa’, zia, nonni e bisnonne. La mamma e’ felicissima ed il papa’ e’ completamente impazzito d’amore – non credo ci siano piu’ speranze che si riprenda dalla botta!