Sunday, December 06, 2015

US Roadtrip - Diario di Viaggio: Giorno 5



Oggi è stata tutta una corsa contro il tempo. Per arrivare all'aeroporto di San Francisco prima che atterrasse l'aereo con a bordo i miei genitori e la famiglia di mia sorella (persa). Per non pisciarmi addosso dopo le ultime 2 ore di viaggio con aria condizionata a palla (vinta), per arrivare a casa in tempo per vomitare a causa di una fortissima emicrania (pareggiata). Esatto. Neanche questa vacanza poteva passare immacolata. La mia emicrania ha voluto entrare di forza nelle foto ricordo. Ci sono voluti 4 Advil, 1 Axert e ben 2 punture di Toradrol più svariate ore di immobilità per farmela passare. Comunque, è andata per fortuna.
I bambini sono estatici. La gioia di vedere Jude e Sebastian correre lungo i corridoi dell'aeroporto per riabbracciare gli adorati nonni, gli zii e le amatissime cuginette è stato commovente. Viola e Sebby non hanno smesso un attimo di parlare. E Penny già, nel suo repertorio molto personalizzato di vocaboli, ha inserito "Jude". Che belle le mie nipotine. Che bello riabbracciare la mia famiglia. A San Francisco!! Non è da tutti. La casa è meravigliosa. In un quartiere stupendo. Oggi spero di godermela più di ieri quando l'unica cosa sulla quale mi sono focalizzata è stata la tazza del cesso. San Francisco sei mia. Io me te magno - a proposito, sono due giorni che non mangio...

Citazione del giorno: ieri è il passato, domani è il futuro ma oggi è un regalo. Ecco perché si chiama presente.

No comments: