Wednesday, December 09, 2015

US Roadtrip - Diario di Viaggio: Giorno 7


A casa c'è sempre confusione, sempre chiasso. Sembra il film Mamma Ho Perso l'Aereo.
Siamo usciti stamattina con delle ottime intenzioni: percorrere a piedi dal Golden Gate Bridge al Fisherman's Wharf (circa 6km più extra), dove ci aspettava la barca per Alcatraz. Già dopo 1km e mezzo avevamo capito che la scelta non fosse stata felicissima con quattro bambini dai 7 anni in giù che dopo mezz'ora erano già stanchi. Me ce l'abbiamo fatta. Ce l'hanno fatta! Per quando siamo arrivati a destinazione il posto era un delirio: per trovare un buco per mangiare abbiamo dovuto camminare ancora a lungo. Alla fine ci siamo accontentati di un frittaccio straunto di pesce. Mi rimarrà la voglia di una porzione di insalata di gambero fresca....
Alcatraz è Alcatraz. Anche senza Clint Eastwood. Ci ero già stata e le esperienze quando già fatte non hanno mai la stessa intensità. C'è solo una prima volta. San Francisco invece è proprio una gran bella città, la seconda volta come la prima. Non mi dispiacerebbe viverci. Affatto. È vera, è caotica, è grande ma allo stesso tempo non è dispersiva come LA o verticale come NYC. Sa di Martini on the rocks mischiato al sapore di salsedine. Sa di iconografia cinematografica incrociata al realismo urbano. Siamo arrivati a casa distrutti e bruciati dal sole. Soprattutto io e Sebby che dobbiamo avere delle soglie di attivazione della melanina praticamente azzerate. Siamo dovuti ricorrere ai cetrioli in faccia...

Citazione del giorno: l'inverno più freddo che ho trascorso è stata un'estate a San Francisco (Mark Twain).

No comments: